instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
The European Parliament begins its tenth term. Metsola re-elected as PresidentAll European politicians condemn the attack on Trump on Saturday 13 JulyThe political summer of the European right. The groups in the EP become three"Europa. Tra presente e futuro": a new book edited by Nicola Verola and Giuliano AmatoOrban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying UkraineFrance, le résultat des élections est surprenant. La gauche unie gagne, l’extrême droite seulement troisième derrière les macroniensFrance : deuxième dimanche électoral. Un scrutin dont devra sortir la nouvelle assemblée nationaleUK election: Keir Starmer's Labour Party set to win huge majorityECB: Lagarde on French Elections, we are attentive about financial stabilityLa lecture sociologique des élections législatives de 2024 en France : le premier tourLes résultats du premier tour des législatives en FranceLégislatives 2024 en France : Un scrutin décisif, à double inconnues et à enjeux en cascadeThe path from the Top Jobs to the official start of the new European Commission in December 2024Europe chooses Ursula againEurogroup meeting of 20 june 2024EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.
europolitiche

Orban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying Ukraine

10-07-2024 06:07

Europolitiche

Europolitiche, Macro/Scenari, Ucraina, Russia , Charles Michel, consiglio europeo, cina, ECR, Vicktor Orban , I Patrioti, luglio 2024, semestre di presidenza ungherese del Consiglio europeo,

Orban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying Ukraine

L'UE si smarca da Orban, in visita a Mosca e Pechino. Michel: non ha mandato dal Consiglio UE a negoziare con l'aggressore russo dell'Ucraina.

EN - Hungarian Prime Minister Viktor Orban held talks on a potential Ukrainian peace deal with Russian President Vladimir Putin on Friday 5 july, angering some European Union leaders who warned against appeasing Moscow and said he did not speak for the EU.

Orban’s trip drew strong rebukes from fellow EU leaders and Ukraine said it had not been consulted beforehand.

Orban has also formed the “Patriots for Europe” alliance with other right-wing nationalists.

 

IT - Le “missioni” di Vicktor Orban a Mosca e Pechino e alcune sue dichiarazioni a margine degli incontri con Putin e Xi Jimping, hanno prodotto irritate reazioni a Bruxelles. In veste di neo presidente di turno, da luglio a dicembre del 2024, del Consiglio dell'Unione europea, ma anche di 'amico' del Cremlino, il premier ungherese ha cercato di ritagliarsi un ruolo di facilitatore nella fine del conflitto. Nella sua visita a Kiev, Orban è stato peraltro accolto freddamente dal presidente ucraino Zelensky. 

Nei giorni scorsi, il presidente del Consiglio europeo Michel non ha esitato a dichiarare: “La nostra posizione è chiara, la Russia è l'aggressore”. In aggiunta, una ventina di Stati membri dell'Ue intendono affrontare mercoledi 10 luglio al Coreper l'Ungheria, accusandola di slealtà.  

Viene obiettato ad Orban di non aver avuto mandato da parte del Consiglio europeo di operare , nei sei mesi di presidenza ungherese dell'UE, per negoziati di pace, peraltro remoti, con la Russia la cui invasione in territorio ucraino è avversata dall'Unione con ingente supporto economico, e financo invio di armi e aiuti logistici, a Kiev deciso nei vari Consigli succedutisi e coordinato con la Nato. 
I venti paesi vogliono così inviare un messaggio "chiaro" riguardo alla deliberata confusione generata da Orban tra l'operare come leader di un singolo Paese e a nome della presidenza.

In seguito alle inevitabili critiche e reazioni nell'Unione europea, il leader ungherese, in una lettera inviata nei giorni scorsi a Charles Michel, ha riferito dell'esito dei colloqui avuti a Mosca con Putin.

Orban ha spiegato di non aver avanzato "alcuna proposta" e di non aver espresso "alcuna opinione a nome del Consiglio europeo o dell'Unione europea" durante i suoi colloqui con Putin. "Le varie dichiarazioni e osservazioni critiche che sono state fatte nei giorni scorsi e che suggeriscono il contrario - aggiunge - sono infondate". 

La precisazione di Orban è apparsa funzionale a difendersi in vista delle accuse che gli verranno mosse al Coreper o in altre sedi deputate dell'UE. 

Orban ha fatto parlare di se in questi giorni anche per aver promosso un nuovo gruppo nel Parlamento europeo denominato “i Patrioti” che ha raccolto  l'adesione di un numero di deputati -  dal Rassemblent National francese, alla Lega italiana, a Vox dalla Spagna - in grado di assicurare alla nuova compagine il terzo posto tra i gruppi politici europei. 

Ursula von der Leyen, ha subito escluso di voler dialogare con “I Patrioti”, alla luce della dichiarata ostilità della neo aggregazione alla sua riconferma alla guida della Commissione europea e della scarsa intransigenza che, secondo von der Leyen, hanno i partiti aderenti nei confronti della Russia in guerra con l'Ucraina. 

Il profilo basso scelto dall'ECR, il Partito dei conservatori e dei Riformisti Europei, riguardo le defezioni al suo interno dei deputati di Vox a vantaggio de “i Patrioti”, è un segnale di prudenza e realismo politico in questa fase di riassetto dei gruppi nella destra dell'emiciclo parlamentare. Si fa strada l'ipotesi che l'ECR stia cercando di non interrompere il dialogo informale con von der Leyen, forte del sostegno di Popolari, Socialisti e Renew, in vista del voto parlamentare, peraltro a scrutinio segreto, che dovrebbe sancire o meno la sua riconferma.

 

staff @europolitiche.it


 

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it