instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
EU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politicaEurope profoundly shocked by shooting of Robert FicoSpring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion amid high geopolitical risksVentotene: l'isola che diventò continente. Chiara Bini dialoga con Francesca MercantiHappy Europe Day 2024A May of meetings and book presentations in Florence with EuropoliticheUn maggio di incontri a Firenze con EuropoliticheChinese President Xi Jimping completed a two-day state visit to ParisThousands of Georgians have taken to the streets of Tibilisi and are waving EU flags against the governmentSpain, Sanchez : “I have decided to go on, if possible even stronger as prime minister"French President Macron's speech on the EUNew EU fiscal rules approved by MEPsLetta presents the report on the future of the Single Market. The EU awaits Draghi's report in JuneParliament adopts reform of the EU electricity marketMEPs approve reforms for a more sustainable and resilient EU gas marketEcofin : Gentiloni, public investments must not be reducedEuropean reactions to Iran strikes IsraelLa scelta dei candidati, primo scoglio verso l’Europa politica
europolitiche

G7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May

25-05-2024 10:57

Europolitiche

Europolitiche,

G7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May

Tre i temi al G7 Finance in Italia : il contrasto alle pratiche commerciali scorrete della Cina, gli aiuti all’Ucraina e una eventuale tassa minima globale

EN - The finance ministers and central bankers meeting in Stresa at the G7 discussed three fronts: the fight against China's unfair trade practices, aid to Ukraine and a possible global minimum tax.

IT - I ministri finanziari e i banchieri centrali riuniti a Stresa al G7 hanno discusso su tre fronti : il contrasto alle pratiche commerciali scorrete della Cina, gli aiuti all’Ucraina e una eventuale tassa minima globale.

Il caso della sovracapacità produttiva della Cina

Ministri finanziari e banchieri centrali del G7 hanno convenuto, seppur con dei distinguo, sulla necessità di «una risposta comune» a livello di G7 alla sovracapacità produttiva raggiunta dalla Cina, grazie alle sovvenzioni statali. Nel mirino l’over-export cinese verso i mercati europei e globali con prodotti a basso costo.

L’impressione è che sia complicato delineare modalità concrete per contrastare le pratiche commerciali scorrette. «Serve una risposta comune, perché si tratta di produzioni sussidiate dallo Stato cinese che arrivano sui mercati internazionali in settori decisivi per le nostre economie» ha detto il Commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni.

Il “caso cinese” era già stato sollevato Janet Yellen giovedì 23 maggio. Il Segretario al Tesoro Usa ripete da tempo che bisogna adoperarsi per scongiurare lo spiazzamento delle imprese dei paesi dove la Cina esporta, in regime, de facto, di concorrenza sleale. Senza scadere in toni da guerra commerciale con Pechino, Yellen ha lanciato anche al G7 in Italia un messaggio forte alla Cina, sebbene ritenga che ogni Stato debba decidere come difendere la propria industria. Tra gli europei, il ministro francese Le Maire ha sottolinetato a Stresa che bisogna «assolutamente evitare una guerra commerciale con la Cina» e perseverare negli «sforzi per difendere… gli interessi» dell'Ue. L’omologo tedesco Lindner è apparso più diplomatico: «Le guerre commerciali non possono essere vinte, producono solo perdenti».

Il commissario all'economia Ue Gentiloni ha indicato una proposta operativa: «si coordinano le informazioni: cioè se ogni Paese è infornato sulle mosse commerciali fatte dagli altri» evitando quindi dazi nazionali concertandone semmai di comuni.

 

Il prestito all’Ucraina

Altro tema chiave, emerso al G7 di Stresa, è stata la proposta statunitense, da tempo in discussione, di erogare all’Ucraina un prestito o un bond garantito dagli extra-profitti dei beni russi sequestrati. La stragrande maggioranza degli asset russi si trova però nell'Ue, notoriamente divisa su un’azione che potrebbe avere complicati risvolti legali di diritto internazionale Le delegazioni tedesca e francese sono apparse caute sul fronte dei sequestri dei beni e patrimoni russi nell'Unione. Più pragmatico Gentiloni che consiglia di «separare legalmente gli extraprofitti dai beni russi» senza giungere necessariamente ad una «confisca dei beni di uno Stato sovrano (che sarebbe legalmente difficile da fare), ma solo dei profitti che quei beni producono». 

 

Una tassa minima globale ?

Sull’opportunità o meno di applicare una tassa minima globale, promossa da Ocse, G20 e Ue, si è animato un terzo fronte di confronto al G7. 

Più assertivo di altri è apparso il ministro francese Le Maire che ha, significativamente richiamato la necessità di «una tassazione minima delle persone più ricche al mondo» rimarcando che la ritiene una questione di giustizia e di efficienza. L'implementazione del secondo pilastro dell'accordo sulla tassa minima globale è la priorità della Germania e ulteriori idee non dovrebbero essere discusse fino a quando non ci sarà un accordo sul primo pilastro, ha detto venerdì 24 maggio al G7 il Ministro delle Finanze tedesco Christian Lindner. “Nel secondo pilastro abbiamo già una legislazione nazionale in Germania” e ha aggiunto che "Il lavoro attuale si concentra sul primo pilastro".

A ricadere nella sfera di applicazione della tassa minima globale sono destinati i giganti digitali con sede negli Stati Uniti, con il cosiddetto 'primo pilastro' che mira a riallocare i diritti di tassazione su circa 200 miliardi di dollari di profitti aziendali nei Paesi in cui le aziende operano. Gli Usa hanno minacciato tariffe di ritorsione contro i Paesi europei se questi ultimi implementeranno il primo pilastro, che, di fatto, è bloccato nei negoziati.

Nel frattempo, i Paesi stanno implementando nel quadro generale dell'accordo fiscale minimo globale quel secondo pilastro in base al quale si cerca di garantire che le aziende con ricavi superiori a 750 milioni di euro (800 milioni di dollari) paghino un'aliquota minima globale del 15%, consentendo ai governi di applicare un'imposta supplementare sui ricavi realizzati nei Paesi con aliquote inferiori.

Lo stesso Lindner, mentre i negoziati sul primo pilastro proseguono, si dichiara da tempo "estremamente scettico" riguardo ai nuovi componenti di un'agenda fiscale globale.

 

staff @europolitiche.it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it