instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
The European Parliament begins its tenth term. Metsola re-elected as PresidentAll European politicians condemn the attack on Trump on Saturday 13 JulyThe political summer of the European right. The groups in the EP become three"Europa. Tra presente e futuro": a new book edited by Nicola Verola and Giuliano AmatoOrban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying UkraineFrance, le résultat des élections est surprenant. La gauche unie gagne, l’extrême droite seulement troisième derrière les macroniensFrance : deuxième dimanche électoral. Un scrutin dont devra sortir la nouvelle assemblée nationaleUK election: Keir Starmer's Labour Party set to win huge majorityECB: Lagarde on French Elections, we are attentive about financial stabilityLa lecture sociologique des élections législatives de 2024 en France : le premier tourLes résultats du premier tour des législatives en FranceLégislatives 2024 en France : Un scrutin décisif, à double inconnues et à enjeux en cascadeThe path from the Top Jobs to the official start of the new European Commission in December 2024Europe chooses Ursula againEurogroup meeting of 20 june 2024EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.
europolitiche

Sostegno europeo all'Ucraina ribadito alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco

20-02-2023 11:21

Europolitiche

Europolitiche, Ucraina, Russia, monaco conferenz, conferenza di monaco 2023, sicurezza globale, politica globale, sostegno europeo a Kiev,

Sostegno europeo all'Ucraina ribadito alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco

in Germania, riuniti capi di Stato e di governo, ministri, alti ufficiali militari, diplomatici e analisti da tutto il mondo per discutere di sicurezza globale

A Monaco di Baviera, in Germania, si sono riuniti capi di Stato e di governo, ministri, alti ufficiali militari, diplomatici e analisti politici da tutto il mondo per discutere di sicurezza globale. 

 

Tre giorni di lavori

La 59ª edizione della Conferenza di Monaco sulla sicurezza  che quest’anno ha coinvolto, dal 17 al 19 febbraio 2023, ben 96 Stati, si è incentrata sulle sfide alla sicurezza in Europa a seguito dell’invasione russa dell’Ucraina, iniziata il 24 febbraio 2022 su ordine del presidente Putin. Non a caso il forum è stato aperto dal capo di Stato della nazione aggredita Zelensky, mentre per la prima volta da oltre vent’anni nessun esponente russo è stato invitato ai lavori.

Stoltenberg della Nato ha dettato la linea sui prossimi impegni pro-Ucraina. Anche la Cina ha inviato a Monaco, senza significative posizioni di svolta sulla guerra, il suo resposabile degli Esteri.

 

Gli europei a Monaco: convinto sostegno a Kiev

A conclusione dei lavori, sul fronte europeo, la presidente della Commissione Von der Leyen ha decisamente confermato di voler continuare a cordinare un forte sostegno alla causa ucraina. Sulla stessa linea le cancellerie europee.

 In questo senso, Von der Leyen ha assicurato di essere “profondamente convinta” che questa “unità” e “determinazione” dei paesi occidentali riguardo alle azioni prese contro Mosca e a favore di Kiev “saranno mantenute”, perché “stiamo combattendo per i nostri valori e per la nostra stessa esistenza”.

Ha fatto eco alla presidente Von der Leyen l’alto rappresentante dell’UE per gli affari esteri e la politica di sicurezza Borrell che ha chiesto domenica 19 febbraio  “meno applausi” e più armi per l’Ucraina. “Zelenski e gli ucraini ottengono molti applausi e poche munizioni, questo è il paradosso. Hanno bisogno di meno applausi e di una migliore fornitura di armi”, ha detto Borrell, esortando gli stati membri dell’UE ad agire “rapidamente” per coprire la carenza di munizioni.
“Tutti i leader europei hanno detto qui che la Russia non può vincere la guerra, che l’Ucraina deve vincere la guerra. Quindi dobbiamo passare dalle parole ai fatti”, ha affermato Borrell, mentre ha avvertito che la sicurezza dell’UE “è stata sfidata” dal conflitto sul territorio ucraino. “Abbiamo messo insieme l’Ucraina perché questa guerra è una grande sfida per la nostra sicurezza, una sfida esistenziale per l’Europa, ha affermato il massimo rappresentante diplomatico dell’UE.

 

desk@europolitiche.it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it