instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
The political summer of the European right. The groups in the EP become three"Europa. Tra presente e futuro": a new book edited by Nicola Verola and Giuliano AmatoOrban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying UkraineFrance, le résultat des élections est surprenant. La gauche unie gagne, l’extrême droite seulement troisième derrière les macroniensFrance : deuxième dimanche électoral. Un scrutin dont devra sortir la nouvelle assemblée nationaleUK election: Keir Starmer's Labour Party set to win huge majorityECB: Lagarde on French Elections, we are attentive about financial stabilityLa lecture sociologique des élections législatives de 2024 en France : le premier tourLes résultats du premier tour des législatives en FranceLégislatives 2024 en France : Un scrutin décisif, à double inconnues et à enjeux en cascadeThe path from the Top Jobs to the official start of the new European Commission in December 2024Europe chooses Ursula againEurogroup meeting of 20 june 2024EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politica
europolitiche

Questione meridionale e istruzione nell'ottica nazionale ed europea. Conversazione con il Professor Paolo Sagg

05-07-2023 15:26

Europolitiche

Europolitiche, Cultura politica, Paolo Saggese , europa , meridionalismo italiano,

Questione meridionale e istruzione nell'ottica nazionale ed europea. Conversazione con il Professor Paolo Saggese

A cura di Alessandro Mauriello

 

Nell'ottica del dibattito sulla coesione sociale ed economica del sistema Paese, anche in ambito europeo dovremmo approfondire l'annosa Questione meridionale e le correnti culturali che hanno caratterizzato tale elaborazione. Lo faremo con il prof. Paolo Saggese, meridionalista, dirigente scolastico, saggista e autore di  numerosi volumi sul tema (altri sono in elaborazione). 

A cura di Alessandro Mauriello.

 

Quali sono gli intellettuali più significativi del meridionalismo? 

Come ben evidenzio nei miei precedenti lavori la Questione meridionale nasce con l'Unità nazionale, non da ultimo il più recente dei quattro libri scritti sul tema dal titolo La Scuola e la Questione meridionale nel primo secolo dell'Unità Nazionale (Vol. I)” (Il Terebinto, Av, 2023). Benedetto Croce, riprendendo un adagio secondo il quale il Sud fosse  un paradiso abitato da diavoli, dimostrò come altri che non era così, ma un luogo denso di povertà e degrado. Tra questi il ministro della pubblica istruzione Francesco De Sanctis nel governo Cavour, che poi prese parte alla cosiddetta Scuola Liberale del meridionalismo italiano, insieme a Sidney Sonnino, Pasquale Villari, Giustino Fortunato. Per questa scuola di pensiero la questione meridionale era questione sociale, e quindi risolta la seconda si sarebbe risolta anche la prima, preoccupati della tenuta politica dello stato liberale e della rivoluzione dei poveri.

Poi vi era il cosiddetto Meridionalismo Rivoluzionario, composto da intellettuali e dirigenti politici come Antonio Gramsci con il suo Alcuni temi della quistione meridionale e altri importanti intellettuali (Piero Gobetti, Guido Dorso, Tommaso Fiore, tra gli altri).

Proseguendo poi nella composizione di questa corrente di pensiero, troviamo ad esempio Gaetano Salvemini e Peppino Di Vittorio.

Poi la scuola cattolica di Pasquale Saraceno, figura forte delle politiche di sviluppo del Mezzogiorno con linvenzione della Cassa per il Mezzogiorno, economista Svimez, che in questi giorni è ricordato da un francobollo emesso da Poste italiane per i 120 anni dalla nascita.

Altre due figure eretiche, diciamo non collocabili per la magnitudo intellettuale sono: Manlio Rossi Doria, economista agrario e fondatore della scuola di Portici poi Senatore per il Psi in Irpinia. Emilio Sereni scrittore, storico dell'Agricoltura, partigiano e costituente. 

 

Scuola e Mezzogiorno. Quale connessione?

La connessione tra i due fenomeni è ormai acclarata, ma non da oggi con i vari e raffinati indicatori statistici di oggi, con per esempio i vari rapporti dell'Osservatorio sulla povertà educativa promosso da Open Polis e Con i bambini.

Una connessione forte, riprendendo l'opera intellettuale di un altro gigante come Carlo Levi, che affermò che sovrapponendo la mappa della povertà economica del Paese e la mappa della povertà educativa, queste corrispondevano nelle varie distribuzioni, formando una mappa geo economica dell'istruzione e dei divari. Mi spiego riprendendo il lavoro di un Premio Nobel come Armatya Sen, con il suo approccio alle capabilities per il quale esiste un legame tra disuguaglianza, alfabetizzazione e democrazia sostanziale, che interessa i rapporti tra individuo e sistema sociale come ben afferma l'economista indiano: non penso che il tasso di disuguaglianza aumenti con la globalizzazione, però la differenza tra ricchi e poveri è lo stesso intollerabile. Dobbiamo cambiare completamente ottica, non si possono  perseguire le stesse politiche. Purtroppo invece, dobbiamo constatare che la politica non si occupa di inuguaglianza. Eppure la libertà personale è strettamente legata alla possibilità di scegliere, quindi allautonomia economica.

 

Don Milani, da educatore cosa lascia nelle istituzioni formative ?

Il Priore di Barbiana ha un merito straordinario, ne ha tanti anzi ma quello maggiore è aver denunciato tra i primi, come Umberto Zanotti Bianco: i limiti della scuola classista, con una immagine plastica di un luogo che certifica una società ingiusta densa di differenze sociali. La centralità del linguaggio, come costruttore di identità per chi non ha voce in un lessico ridotto per una vera emancipazione delle classi deboli.
 

Altra figura del Mezzogiorno, Rocco Scotellaro. Ci può descrivere il suo percorso? 

Rocco Scotellaro è una figura fondamentale per comprendere il percorso di riscatto e di bisogno di ascensore sociale.

Talento poliedrico nelle sue dimensioni pubbliche: politico, amministratore locale, poeta e scrittore.

Non da ultimo scienziato sociale chiamato all'Osservatorio di economia agraria di Portici da Manlio Rossi Doria, con la formazione preliminare del Piano regionale della Basilicata, commissionato dallo Svimez. Nella sua relazione Scuole di Basilicata, che io analizzo, affronta proprio il tema cruciale tra scuola e Questione meridionale.

 

Alessandro Mauriello @europolitiche.it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it