instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
The European Parliament begins its tenth term. Metsola re-elected as PresidentAll European politicians condemn the attack on Trump on Saturday 13 JulyThe political summer of the European right. The groups in the EP become three"Europa. Tra presente e futuro": a new book edited by Nicola Verola and Giuliano AmatoOrban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying UkraineFrance, le résultat des élections est surprenant. La gauche unie gagne, l’extrême droite seulement troisième derrière les macroniensFrance : deuxième dimanche électoral. Un scrutin dont devra sortir la nouvelle assemblée nationaleUK election: Keir Starmer's Labour Party set to win huge majorityECB: Lagarde on French Elections, we are attentive about financial stabilityLa lecture sociologique des élections législatives de 2024 en France : le premier tourLes résultats du premier tour des législatives en FranceLégislatives 2024 en France : Un scrutin décisif, à double inconnues et à enjeux en cascadeThe path from the Top Jobs to the official start of the new European Commission in December 2024Europe chooses Ursula againEurogroup meeting of 20 june 2024EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.
europolitiche

Accordo Ue sulla ridistribuzione dei migranti

12-06-2022 15:51

Europolitiche

Europolitiche, italia, Francia, spagna, migranti, ridistribuzione migranti, Malta, Cipro,

Accordo Ue sulla ridistribuzione dei migranti

Primo accordo Ue per alleviare il peso sui soliti punti di approdo: Italia, Grecia, Spagna, Malta e Cipro

Raggiunto un primo accordo Ue sulla ridistribuzione dei migranti

La decisione dei ministri dell'Interno europei con l'obiettivo di alleviare il peso sui soliti punti di approdo: Italia, Grecia, Spagna, Malta e Cipro. Al momento sono dodici gli Stati che hanno dato disponibilità alla ricollocazione ma "la stragrande maggioranza" ha approvato l'accordo

Secondo alcune anticipazioni si tratterà di diecimila richiedenti asilo

 

Nei prossimi giorni si riuniranno la Commissione europea con la presidenza francese del Consiglio per mettere a punto la piattaforma di solidarietà e stabilire i numeri, su base annua, di quanti potranno essere ridistribuiti. 

Numeri che il ministro dell'Interno francese, Gerald Darmanin, non ha voluto confermare in conferenza stampa al termine del Consiglio Interni a Lussemburgo perché non sono ancora stati decisi.

Entusiasti anche la Commissione e il Consiglio che parlano di "accordo storico". 

"Il meccanismo di solidarietà obbligatorio per tutti gli Stati membri include oltre una dozzina di Paesi, compresi la Francia e la Germania, che si sono finora impegnati ad applicare un sistema di ricollocazione”, ha spiegato Darmanin.

E questo è il principio di solidarietà, su cui gli Stati meridionali insistono da anni. In cambio però, gli Stati nordici (e ovviamente l'ormai ex gruppo di Visegrad) hanno ottenuto che venga adottato anche il principio di responsabilità. Gli Stati di primo arrivo sono tenuti allo screening e alla registrazione nell'Eurodac, il dabatabase delle impronte per richiedenti asilo e migranti irregolari.

Lo scopo è arginare i movimenti secondari, ossia quegli spostamenti non autorizzati - ma spesso tollerati dagli Stati di confine - dei migranti verso altri Paesi (in genere approdano nel Sud e si spostano per chiedere asilo nel Nord Europa).

 

Con la registrazione potranno essere riI Paesi che non sono disponibili ad accogliere migranti “dovranno offrire un sostegno finanziario che sarà versato direttamente ai Paesi di primo ingresso”, ha aggiunto il rappresentante della presidenza francese del Consiglio Ue.

I non aventi diritto saranno rimpatriati verso il Paese di approdo, in attuazione del regolamento di Dublino. 

Viene comunque ritenuto un grande passo, anche dall'Italia. "È una giornata importante perché è la prima volta che si parla effettivamente del principio di solidarietà unito al principio di responsabilità. Diversamente da quello che era l’accordo di Malta, qui ne abbiamo parlato nel Consiglio europeo", ha spiegato la ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese. "Quindi siamo fiduciosi che ci sarà un aspetto positivo anche per le politiche future dell’immigrazione", ha aggiunto.

 

Board @europolitiche 

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it