instagram
twitter

Sign up now to

europolitiche3
europolitiche

Newsletter

europolitiche
The political summer of the European right. The groups in the EP become three"Europa. Tra presente e futuro": a new book edited by Nicola Verola and Giuliano AmatoOrban meets Putin for ‘peace mission’, angering the EU, worrying UkraineFrance, le résultat des élections est surprenant. La gauche unie gagne, l’extrême droite seulement troisième derrière les macroniensFrance : deuxième dimanche électoral. Un scrutin dont devra sortir la nouvelle assemblée nationaleUK election: Keir Starmer's Labour Party set to win huge majorityECB: Lagarde on French Elections, we are attentive about financial stabilityLa lecture sociologique des élections législatives de 2024 en France : le premier tourLes résultats du premier tour des législatives en FranceLégislatives 2024 en France : Un scrutin décisif, à double inconnues et à enjeux en cascadeThe path from the Top Jobs to the official start of the new European Commission in December 2024Europe chooses Ursula againEurogroup meeting of 20 june 2024EU leaders meet to discuss top jobsL'Université Paris 1 Panthéon Sorbonne a décerné le DHC à Sofia CorradiThe VI Conference and Summer School in Ventotene was held from 9 to 14 JuneThe 50th G7 summit in ItalyEU hits Chinese EVs with tariffsDedicato ad Eugenio Colorni, il quinto appuntamento dei Dialoghi Europei. Europolitiche a Roma con la Fondazione Buozzi e l'Istituto SpinelliEuropean election 2024: Live results and analysisJoe Biden effectue depuis mercredi une visite de cinq jours en FranceECB lowered its key deposit rate to 3.75%, in its first interest rate cut since 2019Marco Buti agli European Dialogues di EuropoliticheMacron and Scholz: all Europeans want a stronger EU in the worldEuropolitiche : Marco Buti guest at the European Dialogues in FlorenceSteinmeier welcomes Macron to Berlin: "We need an alliance of democrats in Europe"Europolitiche: nuovo appuntamento con gli European Dialogues a FirenzeGli European Dialogues del maggio fiorentino di EuropoliticheUK PM Sunak calls surprise July electionMacron to meet German president in first state visit in 24 yearsG7 Finance Meeting in Stresa from 23 to 25 May"L'Europa avvincente": cinque esperti e il loro saggio agli incontri fiorentini di EuropoliticheLagarde: “A genuine capital markets union is needed”.EU: we aim to fill the gap in industrial policies for the development of Artificial IntelligenceChiara Bini a Firenze al nostro ciclo di incontri di cultura politica
europolitiche

Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeo

28-01-2024 22:58

Europolitiche

Europolitiche, Charles Michel, consiglio europeo, Orban, Belgio,

Charles Michel porterà a termine il mandato di Presidente del Consiglio europeo

Ha dichiarato venerdì 26 gennaio di aver deciso di ritirare la sua candidatura alle elezioni europee e di voler restare in carica fino a fine legislatura.

Sono trascorsi solo 20 giorni dall'annuncio che Charles Michel sarebbe stato in cima alla lista del partito belga del Movimento Riformista (MR) di centrodestra, di cui è stato ex leader, alle elezioni del Parlamento europeo del 6 al 9 giugno. E che si sarebbe dimesso da Presidente del Consiglio europeo in anticipo. Venerdi 26 gennaio, con un sorprendente ripensamento, Michel ha invece annunciato il ritiro della sua candidatura alle elezioni europee e di voler completare il suo mandato.

La sorprendente decisione di Michel giunge sei giorni prima del decisivo vertice del primo febbraio che dovrebbe discutere il sostegno finanziario del blocco all’Ucraina.

“Non mi candiderò alle elezioni europee” di giugno, ha dichiarato Michel nella dichiarazione, aggiungendo che ora porterà a termine il resto del suo mandato al Consiglio europeo che terminerà a novembre.

Su Facebook Michel ha precisato “Non voglio che questa decisione [di candidarci al parlamento] ci distragga dalla nostra missione o indebolisca questa istituzione e il nostro progetto europeo, né che venga utilizzata in modo improprio per dividere il Consiglio europeo, che credo debba lavorare instancabilmente per l’unità europea “.

Michel ha scritto che articolato meglio cosa lo ha portato a decidere di restare in carica alludendo a “reazioni estreme” e “attacchi personali”.

 “Questa [decisione] ha anche portato a reazioni estreme – non all’interno del Consiglio europeo ma al di fuori di esso – alla prospettiva di candidarmi alle elezioni europee, abbreviando il mio mandato e anticipando di qualche mese quello del mio successore”, ha scritto Michel.

La sua elezione lo avrebbe costretto a dimettersi prima della fine del suo mandato al Consiglio europeo, prevista per il 30 novembre, che sarebbe avvenuta al più tardi durante il suo giuramento davanti al nuovo Parlamento europeo, durante la plenaria di metà luglio.

La decisione di candidarsi come candidato al Parlamento europeo in Belgio, dove era quasi certo di vincere un seggio, è stata criticata da alcuni politici come negligenza nei confronti dei leader del blocco.

Il suo precedente annuncio a sorpresa avrebbe probabilmente costretto le forze filo-europee ad accelerare i negoziati sui posti di lavoro più importanti dell’UE dopo le elezioni di giugno.

Gli europeisti paventavano il rischio il primo ministro ungherese Viktor Orbán fosse candidato a prendere la guida del Consiglio europeo ad interim, con il suo paese che detiene la presidenza semestrale dell’UE, se l’UE a 27 non fosse riuscita a trovare un accordo su un accordo successore prima delle dimissioni di Michel.

 Di fronte alla decisione di Michel poi rientrata, i leader dell'Ue avevano pensato di dover concordare rapidamente un successore per il suo posto vacante entro il 1 luglio, quando l'Ungheria assumerà la presidenza semestrale a rotazione del Consiglio. In caso contrario, le regole comunitarie prevedono che l'incarico vada proprio allo Stato membro che detiene la presidenza di turno. E il premier Orban incontrollato al potere nel Consiglio per i sei mesi immediatamente successivi alle elezioni europee del 2024 sarebbe stato uno scenario che la maggior parte degli altri 26 leader Ue avrebbe molto probabilmente evitato, date le crescenti tensioni tra loro e il premier ungherese, ad esempio sulla questione il sostegno dell'Ue all'Ucraina.

 

staff @europolitiche.it

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries

Cross-media in Italian on the policies of European institutions and governments of European Union countries


instagram
twitter
whatsapp

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

©2021-2022 di Europolitiche.it